Le Chiavi della Tartaruga II

Aggiornato il: 7 mag 2020

Pensieri e strategie di trasformazione. Parte Seconda.


🔑#4 SOSTITUIAMO UN'ABITUDINE ☕️

Le abitudini sono cuscini, paracaduti, carezze che ci dedichiamo. Ci regalano comfort, sicurezza e, se non diventano ossessioni, non hanno ragione di essere considerate negative. Anche coloro che non le amano in realtà cambiano costantemente schema, ed è comunque un’abitudine. Le abitudini ci identificano e scandiscono il nostro tempo. Quando pensiamo al passato ci viene naturale ricordare gli eventi che hanno contraddistinto un determinato periodo: “Ricordi quando andavano a scuola e al ritorno ci fermavano a prendere il gelato in quel posto?”. Questo accade perché ciascun tempo della nostra vita è caratterizzato da una serie di abitudini temporanee, che facilmente ritornano alla nostra memoria così come i vissuti carichi di emotività. Ma i tempi cambiano e talvolta, indipendentemente dai nostri desideri, ci troviamo a dover modificare i nostri comportamenti. Attualmente, per rispettare le misure di sicurezza previste, siamo obbligati a cambiare le nostre abitudini e questo ci può portare a sperimentare emozioni anche molto negative. Se non ci sentiamo padroni della nostra vita e riteniamo di subire delle imposizioni, proveremo un profondo senso di frustrazione. Scegliamo allora di riappropriarci della conduzione delle nostre azioni, agendo per primi dei cambiamenti e diventando protagonisti di questa trasformazione in atto. Proviamo con un esercizio: individuiamo un’abitudine un po’ obsoleta e sostituiamola con una che sia più adatta alla persona che siamo oggi e che vogliamo essere anche domani. SPERIMENTIAMO! Oltre a tenere in allenamento la nostra mente, che dovrà apprendere ed implementare nuovi schemi, in futuro ci ricorderemo di questo periodo, non solamente per la frustrazione vissuta, ma anche per la trasformazione che siamo stati capaci di agire su noi stessi.


🔑#5 OFFRIAMO TEMPO ⏳


Nella nostra cultura il verbo offrire assume spesso il significato di uno scambio e in molti casi sottintende una dimensione economica. Pensiamo ad esempio alla parola “offerta”, utilizzata nell’ambito degli acquisti, oppure delle donazioni. In verità ci è possibile offrire, ed anche offrirci, senza che questo implichi il concetto del denaro. Per verificare che sia fattibile, proviamo a ricordarci di quando eravamo poco più che bambini e non possedevamo molto in termini materiali. Siamo certi che ciascuno di noi non avrà difficoltà a risalire a quel periodo della propria vita e abbia ancora ben impresso il ricordo di molte persone ed eventi dell’epoca, poiché è stata una fase molto importante per l’evoluzione della nostra persona. Quando eravamo ragazzini disponevamo di alcuni giochi, forse di una bicicletta e magari anche di una “paghetta” settimanale, ma nient’altro di più. Il resto dei beni ci apparteneva solo di riflesso e non ne avevamo liberamente accesso. Ecco, a questo punto proviamo a domandarci come erano fatte le nostre relazioni e a ricordarci che cosa facevamo insieme ai nostri amici. A quei tempi ci veniva naturale condividere quanto più di importante ancora oggi possediamo, che non è altro che il nostro tempo. Ripromettiamoci di farlo ancora. Offriamo il nostro tempo a chi amiamo. Regaliamo la nostra presenza, e non necessariamente la nostra vicinanza, senza aspettarci nulla in cambio. Proviamo anche a fare insieme qualcosa che non riguarda noi e che non soddisfi in primo luogo i nostri bisogni. Doniamoci e doniamo il nostro tempo. Ci stupiremo di averlo moltiplicato.



To be continued...


20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti